Fermiamo la corruzione, sosteniamo la proposta di legge "La Torre bis"

 Firma qui

Twitter

Ancora, 30 anni dopo il disastro, non abbiamo neppure il numero esatto delle vittime, neanche di questo è stato capace il sistema mondiale !!!

“Mancanza di fondi” è l´inaccettabile giustificazione che si è data per aver interrotto gli studi sanitari nel 2005, 11 anni nei quali milioni di persone ed una superficie grande come la metà del territorio italiano, sono esposti a rischi ancora gravissimi.

Ogni giorno di ogni anno, da allora, si verificano fenomeni riconducibili all'incidente: aree non bonificabili, cacciatori costretti a riconsegnare la selvaggina ed un numero di incendi che, dal 1993 al 2013, ha superato il numero 1.100 nella zona di Chernobil.

Ma il pericolo non è scomparso, non si è affievolito, c'è ancora lì a ricordarcelo il famoso reattore 4 dentro il suo “sarcofago” che ormai decrepito e a rischio dovrebbe essere affiancato da uno già progettato e previsto. Pensate un po´ perchè non si fa? Insufficienza di fondi.

Azione Civile chiede che non si abbandonino quei 5 milioni di persone, che venga loro riconosciuto il diritto all'informazione sulla salute e sul cibo e che il mondo, che si ostina a chiamarsi “civile”, non esponga MAI più nessuno a questi rischi.

 

Azione Civile Gruppo Ambiente

 

 

e-max.it: your social media marketing partner

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna