Fermiamo la corruzione, sosteniamo la proposta di legge "La Torre bis"

 Firma qui

Twitter

40 associazioni, gruppi, comitati di docenti, chiedono ai sindacati di aiutarli a dare voce alla loro protesta contro le deleghe  in scadenza della Legge 107/2015. Tra di loro anche il Gruppo Scuola di Azione Civile.

Dopo le dichiarazioni della nuova ministra Valeria Fedeli  sulla sua volontà di mantenere  nelle scuole  il ruolo del preside “sceriffo” e della chiamata diretta  dei docenti,  il mondo della scuola  chiede ai sindacati di essere portavoce  del  NO dei docenti  nell’incontro del   19 Dicembre con la ministra.

Il 4 Dicembre  sembra essere passato invano, il nuovo governo non manda  segnali di ascolto al voto popolare che ha bocciato il referendum costituzionale voluto dal governo Renzi.  Viviamo una situazione paradossale in cui non è possibile andare alle elezioni subito, perché  l’Italia è attualmente provvista di una legge elettorale per il Senato, ma è sprovvista di una legge elettorale per la Camera, in quanto quella presentata dal precedente governo è stata dichiarata incostituzionale.

Il presidente Mattarella avrebbe potuto, volendo, accorgersi di tale incongruenza e avvertire il Parlamento rifiutandosi di firmare la legge elettorale per il Senato. Così non è stato e adesso un governo che nella sostanza non ha niente di nuovo si è  insediato  con qualche rimescolamento di poltrone.  Nel cambio delle poltrone è rimasta fuori la ministra dell’Istruzione Giannini, il cui posto, tuttavia, è stato occupato dalla ministra Fedeli la quale, prima del referendum, sembrava seriamente coinvolta nei problemi creati dalla Legge 107, però, adesso che  sta assaporando la gioia di avere  un suo ministero a disposizione, pare che abbia cambiato idea e vorrebbe mantenere lo stato di cose.

Ma i docenti hanno votato NO in larga parte, i docenti non dimenticano come sono stati maltrattati da Renzi  e dalla Giannini, i docenti stanno ancora vivendo i forti disagi della deportazione  lontano dalle loro case, l’umiliazione di essere valutati, da alcuni presidi, solo per il loro aspetto fisico,  i docenti non dimenticano le manganellate durante le proteste pacifiche, colpi sulle loro teste e sulle teste degli studenti che ancora oggi protestano senza essere ascoltati!

Questa la lettera inviata a tutti i sindacati.

   I docenti chiedono

 Alle OOSS di categoria, tutte, di pretendere una sospensiva su tutte le deleghe fino a nuove elezioni, proclamando lo stato di agitazione permanente del personale docente ed educativo almeno fino alla scadenza dei termini previsti dal comma 180 dell’art. 1 della legge 107/2015 e/o da eventuali proroghe, utili a legiferare su dette deleghe, concordando unitariamente una sequenza di azioni di protesta e una grande manifestazione a Roma contro il perfezionamento della distruzione della Scuola statale pubblica messo in atto ostinatamente dal governo, contro il parere di tutte le parti sociali

Bologna 18/12/2016

Hanno firmato:

1.       Psp-Partigiani della Scuola Pubblica

2.       Docenti campani

3.       Illuminitalia Caltanissetta.

4.       Comitato referendum sociali Caltanissetta

5.       Scuola di Resistenza

6.       MovingAversa

7.       Illuminitalia Aversa

8.       Docenti Resistenti

9.       Docenti che non voteranno PD perché indignati dal ddl “La buona scuola”

10.    “Personale Educativo”

11.    Comitato “Per la Scuola della Repubblica “ Catanzaro e provincia

12.    MSP- Movimento per la Scuola Pubblica

13.    Azione Scuola

14.    No al Concorso Fuorilegge.

15.    Docenti per la Scuola statale Pubblica Scuola

16.    Tutti uniti per resistere

17.    Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori

18.    Scuola dell’infanzia statale contro sistema integrato 0/6

19.    Scuola pubblica statale unita Ricorsi Anief 2014

20.    CSV Coordinamento Scuole Viterbo

21.    la scuola dice no” di viterbo

22.    “associazione solidarietà cittadina” di Viterbo

23.    Pas e precari ricorso Anief ins in Gae

24.    Comitato per i Referendum sociali di Pistoia

25.    Illumin’italia Nazionale

26.    ..per la riduzione della spesa pubblica

27.    Consulta Popolare Nazionale

28.    Pronti al referendum…giù le mani dalla Scuola Pubblica

29.    Scuola Pubblica vs Legge 107/2015

30.    Gruppo Azione Civile Area Scuola

31.    Azione Precari#noconcorso

32.    Centro di documentazione e di progetto “Don Lorenzo Milani” di Pistoia

33.    Basta precarietà!

34.    Waterloo Scuola

35.    Docenti consapevoli

36.    Class Action, Docenti, ATA, DS e alunni vs Ddl “Buona scuola” Governo Renzi

37.    Retescuole

38.    Coordinamento nazionale del Personale Educativo

39.    Professioneinsegnante

40.    Donne per il NO                        

        Manifesto Nazionale Docenti Precari, 

 

 

 

 

 

 

 

e-max.it: your social media marketing partner

Commenti   

0 #1 Roberto Truglia 2016-12-19 17:36
In qualità di coammin.del gruppo fb Manifesto Nazionale Docenti Precari, comunico che il gruppo sottoscrive e aderisce alla lettera : I DOCENTI CHIEDONO: Sindacati ascoltateci e parlate!!! Un saluto
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna