Twitter
Venerdi 21 dalle ore 16.00 accampata di lotta a P.zza San Giovanni con dibattiti e dalle 21 in concerto la Banda Bassotti, Assalti Frontali e tanti altri Sabato 22 ore 14.00 corteo da piazza San Giovanni Per una Scuola che garantisca l'autonomia dell'insegnamento e dell'apprendimento, per il diritto all’istruzione uguale per tutti, il diritto di accesso gratuito e facilitato all’informazione, alla produzione e alla fruizione della cultura, per una Scuola Pubblica come garanzia di indipendenza e democrazia. Chiediamo una Scuola di qualità che tenga conto delle professionalità che vi lavorano e dei bisogni formativi degli studenti che la frequentano, una Scuola pubblica che sia rispettosa dei valori della laicità e della vita di chi la frequenta, mettendo subito in atto interventi edilizi adeguati alla sicurezza. Una Scuola che ha già queste garanzie nella nostra Costituzione che va rispettata dal Governo e dal Parlamento in ogni suo articolo e non trasformata in un insieme di parole confuse che non difenderebbero più i cittadini e ignorerebbero i loro diritti. Il Gruppo Scuola di Azione Civile si schiera per il NO al Referendum Costituzionale. Comunicato del Coordinamento per un NO SOCIALE alla Controriforma Costituzionale. Il governo Renzi dopo infiniti ritardi ha fissato la data del voto referendario per il 4 dicembre. Organizzazioni sindacali di base, movimenti civili e sociali, organizzazioni politiche militanti della lotta per la democrazia, il lavoro e l'ambiente, partigiani, hanno dato vita al COORDINAMENTO PER UN NO SOCIALE ALLA CONTRORIFORMA COSTITUZIONALE che propone due scadenze nelle quali far sentire le ragioni sociali del NO: - Il 21 ottobre il COORDINAMENTO sostiene lo SCIOPERO GENERALE proclamato sinora da USB, UNICOBAS, USI per la difesa dei diritti del lavoro e dello stato sociale, per difendere ed applicare la Costituzione del 1948, per dire basta al governo Renzi e al massacro sociale. Lo sciopero si svolgerà con iniziative diffuse in tutto il paese. - Il 22 ottobre il COORDINAMENTO indice il NORENZIDAY, manifestazione nazionale a Roma per dire NO alla Controriforma Costituzionale ed a tutti i suoi autori nel nome del popolo sfruttato, precario, senza lavoro, impoverito, avvelenato. I temi della mobilitazione saranno: PER L'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI E DEI DIRITTI DELLA COSTITUZIONE DEL1948: IL LAVORO, LA FORMAZIONE E LA SCUOLA PUBBLICA, LA CASA, IL REDDITO, LO STATO SOCIALE E I BENI COMUNI IN MANO PUBBLICA, L'AMBIENTE E LA DEMOCRAZIA, LA DEMOCRAZIA E LA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO. LA LIBERTÀ E LA SOVRANITÀ DEMOCRATICA DEL POPOLO ITALIANO, OGGI SOTTOPOSTA AD UN VERGOGNOSO ATTACCO DA PARTE DEI GOVERNI DEGLI USA, DELLA GERMANIA E DALLA BUROCRAZIA DELLA UE. NO ALLA CONTRORIFORMA COSTITUZIONALE DEL GOVERNO, DELLA CONFINDUSTRIA, DELLE BANCHE E DELL' UNIONE EUROPEA. NO AL JOBSACT, ALLA PRECARIETA’ SOCIALE, ALLA BUONA SCUOLA, ALLA LEGGE FORNERO, AL DECRETO MADIA, ALLA TAV E ALLE GRANDI OPERE, ALLA PERSECUZIONE DEI MIGRANTI, ALLA DISTRUZIONE DELLO STATO SOCIALE, ALLE PRIVATIZZAZIONI, AI TAGLI ALLA SANITA’, AGLI INTERVENTI SULLE PENSIONI A FAVORE DELLE BANCHE, AL TTIP ED AL CETA. NO ALLA GUERRA, ALLA NATO, ALLE SPESE E ALLE MISSIONI MILITARI, ALLA REPRESSIONE PADRONALE, POLIZIESCA E GIUDIZIARIA. DOPO LO SCIOPERO GENERALE DEL 21 OTTOBRE LA MOBILITAZIONE CONVERGERÀ DAL POMERIGGIO DEL 21 IN PIAZZA SAN GIOVANNI PER UNA ACCAMPATA DI PROTESTA DA CUI PARTIRÀ IL 22 OTTOBRE IL CORTEO DEL NORENZIDAY Il Gruppo Scuola di Azione Civile
e-max.it: your social media marketing partner

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna